Mai più senza PowerBank!

Una guida ragionata alla scelta di un Powerbank per l’estate

Ormai siamo pieni di dispositivi elettronici portatili che in qualche modo espandono le nostre capacità. Ma se la batteria finisce e non abbiamo accesso ad una presa di corrente? L’estate è tempo di viaggi, escursioni, o semplici scampagnate in posti nuovi, portare con sé un Power Bank non è una brutta idea, anzi, direi: “mai più senza PowerBank!”

L’antefatto

Durante una recente vacanza a Berlino con 3 amici mi sono portato il mio power bank Anker, acquistato nel 2015 per 32€. Certo non proprio un prodotto da venditore ambulante in spiaggia; su Amazon trovate anche prodotti sotto i 10€, ma comunque nemmeno troppo costoso. Ancora perfettamente funzionante dopo 4 anni, riusciva a caricare 2 telefoni con una potenza superiore al classico caricabatterie dell’iPhone, e soprattutto poi ne caricava altri due e altri due ancora. Insomma era difficile scaricarlo prima di ricaricarlo la notte.

Insomma, per le mie esigenze, direi che con il powerbank sono a posto! Infatti durante la recente epidemia di acquisti compulsivi che va sotto il nome di Amazon Prime Days, mi sono salvato.

Mi serve un Powerbank potente

Mentre oziavo sull’internet (o interdet…) mi arriva un messaggio da una mia amica che mi dice: “Voglio una batteria potente come la tua, per caricare 2 telefoni contemporaneamente e che non finisca mai”

Vista la mia simpatia per il marchio Anker, non ho avuto dubbi… Anker Powercore+, con porta USB-C da 30W, praticamente una centrale elettrica tascabile!

Diciamo che la risposta non si è fatta attendere e non è stata positiva! Il costo era troppo alto! Ma io che c’entro? Vista la richiesta, non avevo dubbi, ho scelto il toppissimo!

Resto convinto che questo sia uno dei prodotti migliori sul mercato, sebbene sia disponibile in Amazon da Marzo 2017, il prezzo sia oggettivamente alto e probabilmente entro un anno o il prezzo o il prodotto verrà aggiornato.

Riparto con la ricerca

Con mia sorpresa ho trovato che il mio modello è ancora in vendita, esattamente uguale a quello da me acquistato nel 2015, solo leggermente più economico, quindi ecco la mia proposta base per la mia amica:

Come proposta alternativa invece ecco la versione più moderna, più potente, ma anche più pesante e voluminosa, ovvero della serie Anker Powercore+, 3 porte USB potenti e 26800 mA di capacità.

Questo modello, disponibile da Gennaio 2017 è una sorta di versione semplificata del primo, quello da 99€ ed è quello che la mia amica ha comprato.

Sono sicuro che si troverà bene.

La leggerezza conta, secondo me

Se volete la mia opinione, io credo che nella scelta vadano messi 3 parametri:

  • il budget di spesa
  • il peso
  • le funzionalità

Ovviamente al primo posto il budget! Se uno è disposto a spendere 50€ non ha senso che scelga un prodotto da 100€. In questo caso, se volessi un Powerbank che possa anche ricaricarmi il computer, forse è meglio rinviare la spesa a momenti migliori oppure aspettare che la curva di adozione dell’USB-C porti i prezzi a calare.

Ma al secondo posto, il peso secondo me è essenziale. Essendo un prodotto destinato a stare nello zaino, avere un oggetto da 590 grammi (Anker Powercore+ 26800) non è come averne uno da 331 grammi (Anker Powercore 20100).

Quanto alle funzionalità, se la possibilità di caricare 3 telefoni contemporaneamente alla velocità massima è un plus, allora ben vengano i 260 grammi in più.

Naturalmente la gamma di prodotti Anker è ben più ampia. Se volete farvi una idea, la trovate al link sottostante.

Pagina dei prodotti Anker

Dimenticavo

Ma se andate in vacanza e vi portate una centrale elettrica in tasca, poi vi ricordate di prendere 3 cavi per collegare 3 telefoni?

Ecco recentemente ho comprato un cavo per iPhone a 90°. Cosa vuol dire? Vuol dire che se uso il telefono mentre lo carico non ho il cavo sporge per alcuni centimetri, con il rischio che faccia da leva e rompa il connettore o il telefono. Io ho comprato questo boundle di AUKEY, uno rosso e uno nero, giusto per distinguere il mio da quello di mia moglie:

Ma il fatto che anche il connettore USB sia a 90° non va bene per l’uso di 3 cavi con il Powerbank. Comodo a 90°, ma solo dal lato del connettore Lighting dell’iPhone. Ecco quello che potete trovare su Amazon:

Cavi iPhone a 90 gradi

Autore: Gianbattista

Appassionato di tecnologia, è l'autore di Qt5 Quanto Basta. Per lavoro mi occupo di elaborazione delle immagini per applicazioni industriali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *